LE NEWS

  BIOGRAFIA DEL VINCITORE    
La vita e le Opere del prof. Philippe Daverio
Philippe Daverio è nato il 17 ottobre 1949 a Mulhouse, in Alsazia. Dal 1961 al 1967 ha frequentato il Liceo scientifico francese. Arrivato in Italia per gli studi universitari, ha frequentato il corso di laurea in Economia e Commercio presso l'Università Bocconi di Milano, dove hanno avuto inizio le sue molteplici attività legate all'arte. Tre le gallerie d'arte moderna da lui inaugurate: la prima, la 'Galleria Philippe Daverio', nel 1975 a Milano in Via Montenapoleone n. 6, dedicata all'arte italiana del XX secolo, presso la quale nel 1984 viene anche aperta una libreria d'arte, a cui segue nel 1986 la 'Philippe Daverio Gallery' a New York, anch'essa rivolta all'arte del XX secolo, e nel 1989 una seconda galleria a Milano in Corso Italia n. 49, con uno spazio dedicato all'arte contemporanea. Specializzato in arte italiana del XX secolo, ha dedicato i suoi studi al rilancio internazionale del Novecento. Assessore a Milano dal 1993 al 1997 nella giunta Formentini, con le deleghe alla Cultura, al Tempo Libero, all'Educazione e Relazioni Internazionali, si è occupato della ricostruzione del Padiglione d'Arte Contemporanea distrutto a seguito dell'esplosione della bomba avvenuta in data 27 luglio 1993 partendo dalla ricerca degli sponsor, al coordinamento degli interventi sia tecnici sia amministrativi. Nel 1994 con provvedimento della Giunta Comunale si è occupato della ristrutturazione di tutto l'edificio costituente il Palazzo Reale ed il suo adattamento a Museo d'arte contemporanea; nel gennaio 1995 è stata riaperta al pubblico la Sala delle Cariatidi in occasione della mostra di Richard Avedon da lui curata, realizzando importanti e numerose mostre espositive, a cui è seguito l'intero riposizionamento del sistema museale nell'insieme del patrimonio civico. Si è anche occupato del restauro del Teatro alla Scala, ed è stato fra i promotori delle fondazioni (Fondazione Teatro alla Scala, Fondazione Pierlombardo, Fondazione dei Pomeriggi Musicali) intese quali strumento di autonomia e di osmosi tra pubblico e privato nelle istituzioni culturali, ed ha promosso e seguito alcuni lavori pubblici significativi, tra cui il completamento del Piccolo Teatro e del Teatro dell'Arte in Triennale. Nel 1995 ha realizzato una grande rassegna intitolata 'Festival dei Teatri d'Europa' in collaborazione con Giorgio Strehler, insieme di spettacoli in collaborazione con i principali teatri europei. Dal 1993 al 1997 ha organizzato 'Grandi Eventi' (Natale: per la prima volta è stata realizzata una pista di pattinaggio su ghiaccio in Piazza Duomo; Festa di San Valentino: apertura al pubblico di Palazzo Marino; Estate: Milano a cielo aperto, Musiche nei cortili.) Nel 1996, nell'ambito di un più vasto quadro di interventi del Comune di Milano volto alla riqualificazione di spazi irrisolti nel centro storico della città, ha partecipato al nuovo progetto di piazza San Babila con la fontana di Luigi Caccia Dominioni. Philippe Daverio si è sempre definito uno storico dell'arte, e così lo ha scoperto il pubblico televisivo di Raitre: nel 1999 in qualità di 'inviato speciale' della trasmissione Art'è, nel 2000 come autore e conduttore della trasmissione Art.tù, poi dal 2002 al 2012 autore e conduttore di Passepartout, programma d'arte e cultura divenuto Il Capitale, e del programma del 2011 Emporio Daverio per RAI 5, una proposta di invito al viaggio attraverso l'Italia, un'introduzione al museo diffuso e uno stimolo a risvegliare le coscienze sulla necessità d'un vasto piano di salvaguardia. Come gallerista ed editore - nell'81 fonda la casa editrice Edizioni Philippe Daverio: il primo libro pubblicato è del 1977, Guido Balsamo Stella, opera grafica e vetraria, e nell'84 una libreria annessa alla galleria di via Montenapoleone a Milano - ha pubblicato una cinquantina di titoli, alcuni dei quali pubblicati in accordo editoriale con Leonardo Mondadori dal 1981 (Catalogo ragionato dell'opera di Giorgio de Chirico fra il 1924 e il 1929; Catalogo generale e ragionato dell'opera di Gino Severini). Diverse sono le sue pubblicazioni scientifiche, e numerose quelle divulgative; consulente per la casa editrice Skira, dal 2008 dirige per la casa editrice Giunti di Firenze la rivista Art e Dossier, ed è commentatore, tra le altre testate, per Corriere della Sera, Il Sole 24Ore, Avvenire, Giornale dell'Arte, National Geographic, Touring Club, Vogue, L'Architetto, e QN Quotidiano Nazionale. Tra le ultime pubblicazioni, nel 2011 è uscito il volume Il Museo Immaginato, edito da Rizzoli, e nel 2012 il volume Il Secolo lungo della Modernità, per la stessa casa editrice, con cui nel 2013 ha pubblicato Guardar lontano veder vicino. Esercizi di curiosità e storia dell'arte, seguito a fine 2014 da Il secolo spezzato delle avanguardie. Nel 2015 sono usciti i volumi La buona strada, L'arte in Tavola e Il gioco della pittura, sempre editi da Rizzoli. Il professor Daverio si occupa anche di strategia ed organizzazione nei sistemi culturali pubblici e privati, e svolge attività di docente presso atenei ed istituti di diverse città: è stato incaricato di un corso di Storia dell'arte presso lo IULM di Milano, laurea in Comunicazione e gestione dei mercati dell'arte e della cultura; ha svolto diversi corsi di Storia del design presso il Politecnico di Milano, e dal 2006 è professore ordinario di Disegno Industriale presso l'Università degli Studi di Palermo. Nel 2013 ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Italiana il Cavalierato delle Arti e delle Lettere e la Medaglia d'Oro di benemerenza del Ministro per i Beni Culturali; sempre nel 2013 è stato insignito dal Presidente della Repubblica Francese della Légion d'Honneur; da settembre 2014 è Direttore Artistico del Grande Museo del Duomo di Milano, e dal 2015 membro del Comitato scientifico della Pinacoteca di Brera.


  Edizione 2018    
VINCE IL PREMIO IL PROF. PHILIPPE DAVERIO
La quattordicesima edizione del ‘Premio letterario La tore isola d’Elba’, assegnato a grandi nomi del giornalismo della letteratura e della cultura italiana tra i quali ricordiamo Giorgio Faletti, Andrea Camilleri, Andrea Vitali e il ministro Dario Franceschini lo scorso anno, tra gli altri, vede nel prof. Philippe Daverio il perfetto vincitore. Daverio incarna al meglio quell’ ‘ingegno e quell’eccellenza’ che i vincitori debbono aver dimostrato nel corso della propria carriera artistica e professionale. La sua lunga esperienza nel campo della Storia dell’Arte inizia nei primi anni settanta del Novecento a Milano e poi a New York attraverso una instancabile attività di gallerista e di mercante d’Arte. La particolare dedizione del giovane Daverio all’aspetto più commerciale dell’Arte non gli ha impedito, dopo aver condotto gli studi presso la Bocconi, di approcciarsi al mondo della cultura in veste di Storico dell’Arte attraverso sia la sua attività di Assessore alla Cultura del Comune di Milano ai tempi della giunta Formentini garantendo la restituzione la pubblico di importanti monumenti e spazi culturali sia attraverso una prolifica attività editoriale, collaborando anche con grandi case editrici come la Mondadori. Tuttavia quell’eclettismo che insieme ad una evidente poliedricità sono le qualità richieste per vincere il premio, gli hanno consentito di avvicinarsi al Teatro ai massimi livelli, collaborando anche con mostri sacri come Giorgio Strehler e specialmente alla televisone, dove per la Rai ha condotto alcuni programmi di divulgazione culturale legati all’Arte di grande successo. Il suo stile per cosi dire giocoso ed un’immagine particolarissima legata ad una abbigliamento ricercato e caratterizzato dall’immancabile papillon, che spiritosamente dice di aver preferito alla cravatta ’perchè non cadeva nella minestra…’, lo hanno contraddistinto e identificato presso il grande pubblico in modo inequivocabile. Tale atteggiamento spiritoso e disincantato si è sempre accompagnato tuttavia ad un grande rigore ed ad un’analisi scientifica delle Opere d’Arte e delle vicende storiche legate all’arte prese in esame, ciò consentendogli di ritagliarsi un ruolo da protagonista anche nel dibattito pubblico e politico del Paese. L’Opera premio che gli sarà consegnata nella piazza della Chiesa di Marciana Marina la sera del 21 luglio prossimo a partire dalle 21.45 sarà realizzata dal grande artista contemporaneo Marco Lodola, che è stato coinvolto grazie al gallerista Claudio Poleschi e al maestro Lorenzo d’Andrea, autore del premio per Veltroni nel 2016, entrambi membri del Comitato Scientifico e d’Onore. Comitato che vede tra gli altri i professori Noemi ed Emerico Giachery, il prof. Michelangelo Zecchini e personalità del calibro dei giornalisti Aldo cazzullo e Franco Di mare, già vincitori di passate edizioni. Il premio, che è stato ideato e promosso dalla Libreria Rigola di Franco e Lucia Semeraro e dall’Hotel Gabbiano Azzurro, ha il Patrocinio del comune di Marciana Marina e la partecipazione della Pro-loco marinese. Acqua dell’Elba, da sempre sensibile alle attività culturali, sponsorizza l’Evento acquistando l’opera premio.


Motivazione del premio



“Per aver avviato fin da giovane una attività di gallerista e di mercante d’arte a Milano e poi a New York che lo hanno avvicinato al mondo dell’Arte e della Cultura, dopo gli studi economici bocconiani. Per aver iniziato una attività di divulgatore della Cultura e della Storia dell’Arte attraverso un linguaggio caratterizzato da una comunicazione diretta e con un approccio apparentemente disincantato e giocoso, ma contenutisticamente attento e scientifico. Per la sua attività di uomo politico che in veste di Assessore alla Cultura del Comune di Milano ha contribuito al restauro e alla restituzione alla collettività di importanti Monumenti. Per la sua dedizione alla divulgazione culturale tramite sia il teatro, collaborando anche con grandi nomi come Giorgio Strehler sia la televisione, con importanti programmi dedicati all’arte in Rai che hanno contribuito in modo indubitabile alla formazione delle nuove generazioni, avvicinandole all’Arte. Per la sua attività di Editore anche in collaborazione con grandi case editrici come la Mondadori, nonché per la sua attività di giornalista sempre legata al mondo artistico. Per la sua complessiva figura di uomo di Cultura che attraverso una innata capacità comunicativa e un’empatia unica col suo pubblico ha contribuito alla conoscenza dell’Arte nei suoi molteplici aspetti.”














Jacopo Bononi-Franco Semeraro


  Opera del premio 2018    
Marco Lodola realizzarà l'opera premio 2018 ed esporrà nella piazza della Chiesa
Un grande artista contemporaneo come Marco Lodola sarà protagonista della Estate Culturale marinese realizzando l’opera premio per la edizone 2018 ed esponendo alcune delle sue istallazioni nella Piazza della cittadina, per alcuni giorni prima dell’evento, che si svolgerà il 21 luglio 2018 in Piazza della Chiesa a Marciana Marina, come sempre dalle 21.45. Il Premio letterario La Tore, giunto alla sua quattordicesima edizione e che è promosso dalla libreria Rigola di Franco e Lucia Semeraro e dall’Hotel Gabbiano Azzurro, nonché patrocinato dal Comune di Marciana Marina con la partecipazione della Pro-Loco marinese, vede anche quest’anno la sponsorizzazione di Acqua dell’Elba: la prestigiosa Azienda elbana infatti acquisterà l’opera premio da donare al vincitore. Marco Lodola frequenta l'Accademia di Belle Arti a Firenze e a Milano. Successivamente, all'inizio degli anni '80, si affianca al nuovo futurismo. Egli unisce l'arte visiva ad altre discipline: letteratura, musica, cinema, design. Si avvicina presto all'uso di materiali plastici che sagoma e colora con una tecnica personale attraverso l'uso di tinte acriliche. Più tardi la sua ricerca lo porta a cercare di inserire fisicamente la luce nei suoi lavori: nascono le sculture luminose, che caratterizzeranno tutta la produzione artistica[1]. Successivamente Lodola torna alla pittura ad olio, riproducendo su tela le proprie sculture, spesso a dimensione naturale: il tema più ripreso è quello della danza e delle ballerine in stile retrò. Ha esposto al Padiglione Italia della 53ª Biennale di Venezia un'installazione luminosa, e partecipa alla 54ª Biennale di Venezia con il progetto a cura di Vittorio Sgarbi “Cà Lodola” e successivamente alla Triennale di Milano, nel 2009. Le sue opere sono presenti in vari musei, e ha realizzato scenografie per film, trasmissioni, concerti ed eventi. In particolare è stato attivo nella moda e nel teatro, ha creato un manifesto per le Olimpiadi Invernali di Torino 2009 e per la facciata dell'Ariston per il festival di Sanremo 2008. Si è occupato inoltre della scenografia della settima edizione di X Factor. Nel luglio 2016 allestisce la scenografia per Il teatro del silenzio di Andrea Bocelli, nelle colline di Lajatico. Gli incarichi che Lodola riceve provengono da settori estremamente eterogenei: dalle industrie alle istituzioni pubbliche, dal mondo culturale a quello pubblicitario. Collabora tra gli altri con Carlsberg, Coca Cola, Coveri, Dash, Ducati, Fabbri, Illy, Swatch e Seat. Nell’ambito teatrale collabora con l’Opera Lirica Tosca di Puccini e con il Teatro Massimo di Palermo realizzando opere in perpex e neon dal vivace cromatismo. Realizza diversi loghi e immagini per importanti istituzioni come le Olimpiadi Invernali di Torino, il Giro d’Italia, Arci, il Roxy Bar di Red Ronnie, la Fiat Avio, la Juventus e Air One. Con Lodola si conferma il desiderio di promuovere Marciana Marina attraverso l’Arte e la Cultura da parte della Nuova Amministrazione guidata da Gabriella Allori e da parte dell’assessore alla Cultura Santina Berti che, puntando su questo settore, credono nel rilancio della cittadina in campo nazionale tramite questo premio, oltre allo Strega ed il Bancarella, ma anche tramite altri Eventi di prestigio che accompagneranno l’intera stagione turistica.























Marciana Marina - Foto Giuliana Berti ©