LE NEWS

  Elezioni Amministrative    
Felicitazioni al nuovo sindaco membro del comitato d'Onore
L’elezione amministrativa appena conclusasi mi impone, a nome del comitato da me presieduto, di porgere le più vive felicitazioni al nuovo sindaco signora Gabriella Allori. Sono certo che la entrante amministrazione implementerà il sostegno alla nostra ormai ultradecennale attività. Insieme con l’amico Franco Semeraro e con gli amici del comitato portiamo avanti un premio che ha saputo imporsi nel panorama culturale isolano e che da tempo è conosciuto in tutta la penisola. Siamo certi che la nuova giunta vorrà valorizzare la nostra iniziativa partecipando anche a tutte le connesse parti che la compongono e che voglia condividere con noi questo progetto, cogliendone la finalità principe, ossia quella di ridare a Marciana Marina quella fama di ‘capitale culturale dell’isola’ che negli ultimi anni più che mai aveva visto in noi gli unici baluardi rimasti. Cosi facendo valorizzerà quella Storia anche recente della nostra cittadina che, dagli incontri con l’autore degli anni novanta, passando per la giusta considerazione di presenze illustri che hanno abitato la Marina come quella di Raffello Brignetti, è arrivata al nostro premio dodici anni fa. La giusta e necessaria presenza di eventi ‘leggeri’ per cosi dire deve fare il paio anche con manifestazioni di spessore culturale come fu Mediterraneo Jazz Festival ad esempio o prima ancora Elba jazz per fare degli esempi di immediato ricordo e come pure fu il premio Arcipelago Toscano: tutte iniziative che nel tempo si sono eclissate. Insomma una Marciana Marina che torni a essere il centro culturale dell’estate elbana sarà un volano indispensabile per la nostra economia turistica e per questo rinnovo al nuovo Sindaco le nostre felicitazioni, certo che lo spirito che accompagnerà la nuova giunta terrà in debito conto questi miei personali ma credo condivisibili auspici


  L'opera premio 2017    
Un quadro di Fausto Maria Liberatore
L'opera premio di quest'anno, scelta dal Maestro Lorenzo D'Andrea, autore del premio 2016 e membro del Comitato d'Onore come da Statuto e regolamento, è una pregevole opera del Maestro lucchese Fausto Maria Liberatore.

Fausto Maria Liberatore (Lucca, 17 dicembre 1922 – Lido di Camaiore 22 marzo 2004) inizia a dipingere molto presto, intorno ai quindici anni. Il “mestiere” di pittore, come scelta fondamentale, avviene però solo nel 1941, al ritorno a Lucca dalla Libia, in piena guerra. Impara gli elementi essenziali nello studio del pittore-scultore Codino e continua a dipingere nel lungo periodo di clandestinità, sino alla Liberazione. Appena terminata la guerra, Liberatore “incontra” lo scrittore Enrico Pea che gli sarà maestro ed amico. Attraverso Pea arricchisce i suoi interessi culturali: entra in contatto con Carrà, De Grada e Treccani, i quali gli organizzano la sua prima importante mostra personale a Milano sdoganandolo, in qualche modo, da un certo provincialismo.

In quegli anni la sua attività artistica s'intreccia sempre più con l’impegno alla partecipazione della vita politica e civile del Paese tanto che, nel 1958, viene eletto deputato nelle file dell’allora PCI. Nel 1963 si libera dagli impegni politici più gravosi e si dedica alla pittura. Scelta che Liberatore fa senza rinnegare assolutamente il suo passato di attivista politico, ma che ritiene improcrastinabile per potersi dedicare al suo vero “mestiere”: quello del pittore. Nel 1963 il Premio Letterario Viareggio gli organizza una mostra che sancirà in maniera definitiva il passaggio alla vita piena d’artista. Negli anni '70 la sua vita artistica si arricchisce di due importanti amicizie, quella con Franco Russoli e quella con Raffaele Carrieri.

Hanno scritto di lui, tra gli altri: De Grada, Pea, Micacchi, Vicentini, Morosini, Mercuri, Orienti, Lajolo, Giannattasio, Santini, Ciusa Romagna, Russoli, Carrieri, Fagiani, Radium, Carrà, Reno, Porzio, Isgrò, Bortolon, Carlesi, Hart, Guzzi, Micheli, Paloscia, Giumelli, Di Genova, Grasso, Sala, Cracas, Pugliese.


  Edizione 2017    
Vincitore della nuova edizione il ministro Dario Franceschini
La tredicesima edizione del Premio, già assegnato a Giorgio Faletti, Federico Moccia, Andrea Camilleri, Gian Antonio Stella, Andrea Vitali, Fabio Volo, Franco Di Mare, Aldo Cazzullo, Marco Malvaldi, Massimo Nava, Paolo Crepet e Walter Veltroni quest’anno trova nel Ministro dei beni Culturali On. Avv. Dario Franceschini il perfetto esempio “di ingegno ed eccellenza” che devono ritrovarsi nel vincitore. IL premio è ideato e promosso dalla Libreria Rigola di Franco e Lucia Semeraro e dall'Hotel Gabbiano Azzurro. Nel Comitato scientifico e d'Onore troviamo tra gli altri l'ex AD di Alitalia spa dott. Gabriele del Torchio insieme con figure di spicco della cultura a livello nazionale come i professori Noemi ed Emerico Giachery, la scrittrice Alessandra Fagioli, l’Archeologo Michelangelo Zecchini, il Maestro Lorenzo D'Andrea ed i giornalisti Aldo Cazzullo e Franco di Mare. La serata sarà condotta da Lucia Soppelsa. Il riconoscimento gli verrà conferito mercoledi 26 luglio in Piazza della Chiesa a Marciana Marina, a partire dalle 21.45. Dario Franceschini nasce a Ferrara il 19 ottobre 1958. Laureatosi in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Ferrara con una tesi in Storia delle Dottrine e delle Istituzioni politiche, dal 1985 esercita la libera professione come avvocato civilista. Sempre nel 1985 pubblica il libro 'Il Partito Popolare a Ferrara. Cattolici, socialisti e fascisti nella terra di Grosoli e Don Minzoni', e sullo stesso argomento ha partecipato a convegni e a varie pubblicazioni. Iscritto al Registro dei Revisori contabili, è stato poi membro effettivo del collegio sindacale dell'Eni s.p.a. nei primi tre anni della privatizzazione. Nel gennaio 2006 pubblica il suo primo romanzo 'Nelle vene quell'acqua d'argento' (Bompiani), con il quale vince nel 2007 in Francia il Premio Chambery Premier Roman e in Italia il Premio Bacchelli e il Premio Opera Prima Città di Penne. Nell'ottobre 2007 pubblica il suo secondo romanzo 'La follia improvvisa di Ignazio Rando' (Bompiani). Dopo aver ricoperto l'incarico di Vicesegretario del Partito Democratico, il 21 febbraio 2009 durante l'Assemblea Nazionale si candida a Segretario Nazionale e viene eletto. Dal 28 aprile 2013 al 22 febbraio 2014 è Ministro nel Governo Letta: il 22 febbraio 2014 presta giuramento come Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo del Governo Renzi. Ha presieduto nel secondo semestre 2014 il Consiglio dei ministri europei della Cultura e il Forum europeo dei Ministri della Cultura e del Turismo. Con la riforma del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, ha unificato in 39 Soprintendenze territoriali 'Archeologia, Belle Arti e Paesaggio' le competenze che prima erano divise tra tre diverse soprintendenze che si occupavano separatamente di Archeologia, di Beni Artistici e di Beni Architettonici. Ha ideato e lanciato la Capitale Italiana della Cultura, riconoscimento che dal 2015 viene concesso annualmente ad una città italiana. Il 12 dicembre 2016 viene confermato nell'incarico di ministro per il Governo Gentiloni. Prosegue nel frattempo la sua carriera di scrittore pubblicando sempre per Bompiani due altri romanzi: 'Daccapo' (2011) e 'Mestieri immateriali di Sebastiano Delgado' (2013) che riscuotono un grande successo di critica e di pubblico. Di imminente pubblicazione una serie di racconti editi dalla casa editrice di Elisabetta Sgarbi 'La Nave di Teseo' che Franceschini ha seguito dopo l'abbandono da parte della Sgarbi della Bompiani, L'opera del premio 2017 che si unirà alla prestigiosa Targa della Libreria Rigola di Franco e Lucia Semeraro sarà un'opera postuma del grande Maestro toscano Fausto Maria Liberatore selezionata dal maestro Lorenzo d'Andrea membro del comitato d'onore. Omaggerà il ministro, con concerto di accompagnamento della serata, una giovanissima pianista allieva del Conservatorio di Brescia, Ilaria Cavalleri, con brani del suo repertorio. Sponsorizza il premio l'Acqua dell'Elba, acquistando l'opera premio e partecipa la Pro-loco di Marciana Marina. Evento col patrocinio del Comune di Marciana Marina.
























Marciana Marina - Foto Giuliana Berti ©